Creme brulée al vin brulé

creme-brule

Prima di arrivare alla formula definitiva di questa ricetta ho dovuto rifarla bel CINQUE volte! Ecco finalmente a voi la ricetta per questo cremoso e aromatico dolce, perfetto per le serate invernali!

INGREDIENTI per 4 persone

  • 200 ml. di panna liquida
  • 40 gr. di zucchero
  • 4 tuorli

Per la riduzione di vin brulé

  • 200 ml. di vino rosso
  • 80 gr. di zucchero
  • ½ mela
  • 10 chiodi di garofano
  • cannella in polvere
  • la buccia di un’arancia

per la caramellatura

  • zucchero: meglio se di canna ma va bene anche quello bianco.

PROCEDIMENTO

Metti a bollire il vino con lo zucchero, la mela tagliata in 8 fette fine, i chiodi di garofano, la cannella (abbonda pure) e la buccia dell’arancia (tagliata con il pelapatate perché la parte bianca deve rimanere sull’arancia). Mescola ogni tanto e lascia bollire per circa 20 minuti. Bollendo il vino si aromatizza ed evapora, alla fine dovrai ottenere 65 ml. di vin brulé. Filtralo con un colino e pesalo, se è troppo rimettilo sul fuoco e fallo bollire ancora.

Intanto mescola i tuorli con lo zucchero senza usare le fruste, quando lo zucchero è ben sciolto aggiungi a poco a poco la panna liquida. Prendi una pirofila da forno con il bordo alto, ricopri la base con uno straccetto/spugnetta e appoggiaci le ciotoline da forno.

vin brulé

A fine cottura togli la teglia dal forno estrai le ciotoline e lascia raffreddare. Al momento di servire cospargi la superficie delle creme brulée con un velo di zucchero e con la fiamma ossidrica da cucina fallo sciogliere e caramellare. Ottenuta la giusta quantità di riduzione di vin brulé amalgamala al composto di panna-zucchero-uova, mescola bene e versala uniformemente nelle ciotoline.

Ora devi riempire la pirofila con acqua bollente fino ad arrivare ai 2/3 dell’altezza delle ciotoline (quindi più o meno fin dove arriva la creme brulée). Ricopri la pirofila con carta alluminio, sigillala bene e metti in forno per due ore a 120°. Durante questo tempo non aprire mai il forno.

Attenzione a non mettere troppo zucchero altrimenti per scioglierlo tutto bisognerà fiammare troppo e si brucerà!

Per chi non ha la fiamma ossidrica ho sentito dire che si può fare col grill del microonde ma sinceramente io non ho mai provato, altrimenti puoi servirlo anche così senza caramellatura, magari compensando con qualche guarnizione a piacimento.

CONSIGLI: il procedimento in se per se non è assolutamente difficile ma sono da rispettare bene le dosi e i tempi, consiglio di iniziare molto in anticipo per dare al dolce il tempo di raffreddarsi.

Inoltre, è il vino a dare il sapore alla crema quindi non dico che debba essere il vino più buono che c’è in casa, ma neanche semplice vino da cucina!

Altre ricette che potrebbero interessarti: