Torta al limone

crostata-limone-1

La classica torta al limone che si trova in tutti gli autogrill, nei bar delle stazioni e in tutti i posti più standardizzati è per assurdo una delle mie preferite, solo che in tutti i libri e stralibri di dolci che ho non ne ho mai trovato la ricetta. Così un giorno, mi sono messa d’impegno, e ho provato a vedere se magari – con le basi che avevo – potevo provare a ricrearla da me.. e al primo colpo è riuscita straordinariamente simile! ..e così buoona!

INGREDIENTI

  • 2 uova e 2 tuorli
  • 200 gr di zucchero
  • 1 limone
  • 180 gr di burro
  • 400 gr di farina
  • 1 bustina di lievito
  • 15 ml di bevanda spiritosa (liquore a scelta)
  • 35 gr di amido

PROCEDIMENTO

Sbatti 2 uova intere con metà dello zucchero, aggiungi la scorza grattugiata del limone, poi 150 gr di burro morbido che avrai lasciato a temperatura ambiente, e infine la farina mescolata al lievito. Mescola prima con una forchetta e quando non sarà più possibile lavora l’impasto con le mani.

A un certo punto sarà necessario aggiungere del liquido affinché la pasta diventi malleabile ed elastica, aggiungi quindi il liquore scelto, lavora energicamente e se la massa risultasse ancora dura o troppo friabile aggiungi un’altra dose di bevanda spiritosa: ma solo se necessario. Forma una palla, riponila in frigo avvolta in uno strofinaccio e intanto prepara il ripieno della torta.

In un pentolino porta ad ebollizione 170 ml di acqua, togli dal fuoco e versaci dentro l’amido mescolato al restante zucchero, mescola bene, rimetti sul fuoco e porta ad ebollizione. Spegni il fuoco, aggiungi 2 tuorli e mescola bene, poi unisci il burro e infine il succo del limone (e anche i pezzetti che rimangono nello spremiagrumi), mescola bene e lascia riposare.

E’ arrivato l’arduo momento di stendere la pasta nello stampo. Stacca un terzo dell’impasto dalla palla e prendi ora la parte che rimane (la più grande): il trucco è quello di stendere l’impasto con il mattarello sopra della carta da forno formando un disco poco più grande dello stampo che in questo caso deve essere rigorosamente a cerniera. Adagia la base dello stampo (che prima avrai imburrato e pangrattato) rivolto a faccia in giù sulla pasta stesa e infilando la mano sotto la carta da forno capovolgi il tutto. A questo punto: dall’alto fa entrare  nella cerniera la base dello stampo con la pasta sopra, chiudi la cerniera e infine stacca la carta da forno. Aggiusta la pasta nello stampo facendola aderire bene alle pareti e livellando il bordo laterale.

Riprendi il pentolino con la crema al limone, dagli una bella mescolata e versa il composto nella torta. Ora stendi anche l’altra parte di impasto, sempre sopra il foglio di carta da forno ma questa volta il diametro del disco dovrà essere poco più piccolo di quello dello stampo e con la circonferenza già pareggiata perfetta. Solleva la carta da forno con sopra l’impasto steso e con un’abile mossa rigiratela sulle mani e adagiala velocemente nello stampo cercando di centrarlo, infine stacca delicatamente la carta da forno. Spero ti riesca, se no a questo punto scattano le imprecazioni!

Cuoci a 180° per 40 minuti, poi spolverizza di zucchero la torta e servila fredda da frigo.

Tanto per dare forza e coraggio a chi vuole cimentarsi riporto qui testuali parole della procedura di questa ricetta che avevo appuntato sul mio quaderno dei dolci: “Stendere la pasta è uno sbocco di sangue, dividerla in 3 parti, due usarle per la base tipo crostata, versare sopra la crema di limone e poi stendere l’ultimo terzo su un foglio di carta forno e con l’aiuto dei santi in cielo rovesciarlo sopra la torta”.

Altre ricette che potrebbero interessarti: