Budino di avocado

budino-avocado-1

Questa è la CENTESIMA ricetta pubblicata, ecco perché ho scelto proprio il budino di avocado: perché è in pieno stile Ricettasicura, cioè innovativa, originale ma se si seguono dosi e procedimenti, dal risultato assicurato.. insomma: sicura di fare una bella figura!

Si tratta di un dolce iper dietetico: con solo un cucchiaio di zucchero a porzione riusciamo a trasformare ingredienti sani e magri in uno splendido dessert fresco e curioso.. Tra l’altro ci tengo a precisare che nel gusto finale non prevarica affatto l’avocado, anzi -ingannato dal colore- chi lo assaggerà tirerà ad indovinare qualsiasi frutto verde: kiwi, uva, pistacchio, menta, mela verde.. l’avocado invece dona cremosità e consistenza senza lasciarsi scoprire subito!

INGREDIENTI per 4 budini

  • 300 gr di avocado (che equivale circa a 1 grande e maturo)
  • 100 gr di zucchero
  • 1 lime
  • 150 gr di yogurt magro
  • 2 fogli di colla di pesce (4 gr.)

PROCEDIMENTO

Versa in una tazza capiente il succo del lime, poi apri l’avocado, metti la polpa nella tazza e mescola subito con una forchetta finché non si amalgamano bene (questo eviterà che l’avocado si ossidi e prenda un colore scuro). Unisci poi anche lo zucchero e lo yogurt e frulla con il minipimer (mixer ad immersione).

Lascia la colla di pesce in ammollo per 5 minuti in dell’acqua fredda e poi scioglila a bagnomaria in 2 cucchiai di acqua. Aggiungi anche questa al composto versandola a filo e mescolando velocemente in modo che non si rapprenda formando dei grumi.

Versa il composto negli stampini da budino e metti a rassodare in frigorifero per 4 – 5 ore prima di servire.

Infine, per festeggiare la centesima ricetta, vi svelo una scoperta grandiosa che ho fatto per la riuscita estetica del budino! Ho trovato (al Dico) un set di stampini in semplice plastica che però hanno un tappino nella parte superiore, in modo che dopo aver rovesciato lo stampo nel piatto, si toglie il tappino e il budino scivola giù agilmente perché non c’è più il vuoto d’aria! Non che mi paghino per fargli pubblicità ma ha un nome così bello che non posso non dirvelo: si chiama Dino il Salvabudino!!

Altre ricette che potrebbero interessarti: