Panna cotta alla camomilla (con agar-agar)

panna-cotta-2

L’ agar-agar  è stata una grandiosa scoperta per sostituire la colla di pesce in modo più naturale e salutare. Infondo trovate tutte le informazioni a riguardo. Questa è la prima ricetta con agar-agar che propongo e per iniziare ho scelto una panna cotta semplicissima da realizzare: con camomilla e vaniglia, e guarnita da una soluzione di limone e miele.. delicatissima e perfetta per concludere una cena, prima di andare a letto..

INGREDIENTI per 4 porzioni

  • 250 ml di latte
  • 250 ml di panna
  • 3 cucchiaini di camomilla (quella essiccata in busta è meglio altrimenti 3 bustine)
  • 40 gr di zucchero di canna
  • ½ baccello di vaniglia
  • 1 cucchiaino da tè di polvere di agar-agar (2 gr.)
  • 1 limone
  • 60 ml di miele

PROCEDIMENTO

Versa il latte in un pentolino e aggiungi lo zucchero, il mezzo baccello di vaniglia, la camomilla e l’agar-agar e fai bollire per 5 minuti mescolando. A fine cottura passalo con un colino e aggiungi a poco a poco la panna liquida. Mescola ancora, versa negli stampini (molto meglio se in silicone) e lascia raffreddare in frigo almeno per un’ora.

Nel frattempo prepara la salsa: versa il succo del limone in un barattolo, aggiungi il miele e mescola bene finché quest’ultimo non si è sciolto completamente (ci vorrà parecchio tempo e pazienza ma è importante che miele e limone si amalghimino completamente).

Per servire. Capovolgi le panne cotte in delle ciotoline, tappa il barattolo e agita bene la soluzione di miele e limone e versa sopra le 4 panne cotte.

L’AGAR AGAR è un’alternativa vegetariana alla colla di pesce (il cui nome nasce dalla procedura di produzione originaria che partiva dalla vescica natatoria dello storione, oggi sul mercato sono presenti principalmente gelatine prodotte prevalentemente utilizzando la cotenna del maiale insieme a ossa e cartilagini anche di origine bovina).

L’agar agar invece si ricava da un’alga giapponese ed è completamente vegetale, non fornisce nessun apporto calorico e non altera il sapore degli ingredienti a cui si aggiunge. Si trova in erboristeria ed è disponibile in barrette, in fiocchi o in polvere: quest’ultima ha un potere gelificante maggiore ed è più semplice da utilizzare. Va mescolata al composto da addensare che deve poi bollire per 5 minuti, mescolando. Si solidifica a temperatura ambiente (sotto i 25° C contro i 5° C delle gelatine alimentari) in solo un’ora.

Interessante e utile da sapere è la reversibilità della gelatinizzazione: si può preparare una gelatina e in seguito liquefarla nuovamente riportandola a bollore, senza comprometterne la successiva gelificazione. Quindi se il composto non si è addensato quanto si sperava, si può rimettere tutto sul fuoco, aggiungere dell’altro agar-agar e riprovare da capo!

DOSI: per 1l. di liquido servono da 2 a 4 gr. di agar-agar in polvere: che equivale a 1/2 – 1 cucchiaino raso di polvere.

Questa ricetta è perfetta per l’agar-agar perché il latte va comunque bollito affinché vaniglia e camomilla rilascino l’aroma, ma chi non l’avesse a disposizione può sostituirla con un foglio di colla di pesce (2 gr.) che va prima ammollato in un po’ d’acqua fredda e poi unito al latte bollente a fine cottura.

 

 

Altre ricette che potrebbero interessarti: