Pane ai semi di lino

pane ai semi di lino

I semi di lino sono oro per l’intestino. Il modo in cui ti dicono di assumerli in erboristeria è quello di mescolarli in un bicchier d’acqua e bere tutto: ma ti assicuro che non dà affatto soddisfazione bere dell’acqua con dei semini galleggianti dentro. Queste ricetta è perfetta per assumere i semi di lino in un modo molto più piacevole e gustoso dando un tocco speciale al pane di tutti i giorni.

INGREDIENTI per una treccia grande

  • 30 gr di semi di lino
  • 2 dadi di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di malto (abbondante)
  • sale
  • 2 cucchiai d’olio d’oliva
  • 250 gr di farina integrale
  • 300 farina “0”

PROCEDIMENTO

Come prima cosa devi mettere i semi di lino in ammollo in 150 ml di acqua per 3 ore: alla fine molte sostanze benefiche saranno state rilasciate nell’acqua che apparirà densa e gelatinosa.

Sciogli in altri 150 ml di acqua tiepida il malto e il lievito sbriciolato. Aggiungi la farina integrale e impasta con 1 cucchiaio d’olio. Attenzione il sale va aggiunto per ultimo perché non deve entrare a contatto diretto con il lievito, altrimenti lo “brucia”. Metti a lievitare per 15 minuti in un luogo tiepido coprendo il contenitore con un panno umido. Intanto impasta la farina normale con i semi di lino e tutta la loro acqua aggiungendo un cucchiaio di olio e qualche pizzico di sale. Unisci poi i due impasti e lavora energicamente fino ad ottenere una palla elastica e omogenea e metti a lievitare per 45 minuti sempre al caldo.

Terminato il tempo di lievitazione prendi la massa, rimpastala velocemente, dividila in due parti uguali e forma due rotoli, disponili uno accanto all’altro sulla teglia da forno abbondantemente unta di olio, e attorcigliali delicatamente uno sull’altro: l’effetto finale sarà quello di una treccia.

Spennella leggermente con dell’olio, copri con un panno e rimetti a lievitare per un’altra mezzora, e infine inforna a 180° per 35 minuti.

NOTA: Il malto non è facilissimo da trovare, ce l’hanno le erboristerie più fornite, mentre i semi di lino si trovano sia in erboristeria che nei supermercati più grandi e forniti.

A COSA FANNO BENE I SEMI DI LINO: Basta fare la più semplice delle ricerche per scoprire che i semi di lino hanno una quantità di proprietà benefiche quasi incredibile. Ne elencherò alcune senza approfondire, tanto per dare un’idea. Sono ricchi di acido alfa-linolenico, un acido grasso essenziale della famiglia degli omega-3: questo può aiutare come stabilizzatore dell’umore e previene da nervosismo, perdita di memoria e addirittura dall’Alzheimer. Sono ricchi di mucillagini che gli conferiscono un’azione lassativa. Hanno proprietà emollienti e protettive e possono essere utilizzati per calmare le infiammazioni interne, ascessi ed emorroidi. Fonte eccezionale di lignani che hanno importanti proprietà antiossidanti e rafforzano il sistema immunitario migliorando -di conseguenza- anche la capacità di neutralizzare tossine e cellule cancerogene (con effetto preventivo). Proteggono l’apparato cardiovascolare, infatti, stabilizzando il battito cardiaco riescono a ridurre il rischio di infarto. In ultimo, i semi di lino, sono utili anche in gravidanza, in quanto contribuiscono alla formazione della corteccia celebrale.

Altre ricette che potrebbero interessarti: